La Comunità

La Comunità

Il 15 maggio 1989 nasce la Comunità di Nola, con l’insediamento di un piccolo nucleo di missionari e missionarie nella Villa de Siervo, risalente almeno all’inizio del XIV secolo, a Piazzolla di Nola.

Negli anni successivi, grazie alla calorosa accoglienza delle persone, cresce l’interesse e la partecipazione verso le iniziative e la vita della Comunità.

I missionari iniziano a tessere una rete di rapporti sempre più significativi con coloro che si affiancano al cammino della Comunità e che, nel contempo, chiedono di essere accompagnati nel loro percorso personale e familiare. Fioriscono le prime vocazioni.

Proponiamo attività di animazione missionaria e formazione cristiana per i singoli e le parrocchie; corsi di educazione alla mondialità per le scuole di ogni ordine e grado, in collaborazione con l’Ong Comunità Missionaria di Villaregia per lo Sviluppo (Comivis).

 

La nostra casa è un luogo di volontariato, dove tanti amici donano tempo e forze per la missione. Dalla scuola di italiano per stranieri al progetto “Facciamoci dono” per i senza fissa dimora, dai “Samaritani a lavoro” per le famiglie in difficoltà del territorio alla raccolta di indumenti e realizzazione di oggetti per l’associazione Cuoremondo.

La rete sul territorio

Lavoriamo in rete con le istituzioni religiose del territorio: parrocchie locali e Caritas diocesana.

Collaboriamo con associazioni e organizzazione del terzo settore, tra cui: Comunità S. Egidio, Associazione “Libera”.

cronistoria

1999

Il 15 maggio nasce la Comunità di Nola, con l’insediamento di uno sparuto nucleo di missionari e missionarie nella sede di Piazzolla; e, più precisamente, nella ‘Villa de Siervo’, già ‘Masseria de Siervo’ (risalente almeno all’inizio del XIV secolo).

L’immobile, grazie all’interessamento dell’allora Vescovo di Nola, Mons. Giuseppe Costanzo, viene ceduto alla Comunità in comodato d’uso dal proprietario, avv. Mario de Siervo, in memoria e suffragio della figlia Giuliana, morta in giovane età, lasciando il marito e tre figli piccoli.

2000

Il numero notevolmente cresciuto di amici e frequentatori consente di dar vita al primo Jè-shuà per i giovani e al primo Emmaus per gli adulti. A luglio cominciano importanti lavori di scavo e sterro che portano alla scoperta e al recupero di un intero piano cantinato, che nel tempo sarà reso abitabile.

2014-2015

In risposta alla richiesta del vescovo di Nola, la Comunità assume la Parrocchia di Scisciano. All’impegno prioritario e specifico per la missione ad gentes, va sempre più spesso affiancandosi quello per la missione ‘ad intra’, attraverso una più cospicua presenza nelle pastorali parrocchiali, e attraverso esperienze in carcere, con i migranti e a favore delle povertà locali.

Iniziata a maggio 2015, d’intesa con soggetti già da tempo operanti nel settore, un progetto che prevede di ospitare in un’ala autonoma della nostra Casa 14 giovani nigeriane arrivate in Italia con i loro figli.

2016

Nasce Cuoremondo, associazione fondata proprio a Nola da alcuni volontari della Comunità per sostenere le azioni di sviluppo dei missionari in Italia, Africa e America Latina. La sede della Comunità diviene anche sede legale di Cuoremondo.

2017-2019

La Comunità continua ad esplorare realtà sociali meno consuete, che portano i suoi membri e volontari ad iniziare nuovi progetti, tra cui: la “Scuola di italiano” per stranieri; i “percorsi di spiritualità familiare”, articolati in 5 incontri settimanali diretti a coppie o singoli in difficoltà; “Facciamoci dono”, per la distribuzione di pasti a bisognosi; gli incontri con i detenuti nella casa Circondariale di Poggioreale a Napoli.

 

Italiano