ECG Proposte per le Scuole

ECG Proposte per le Scuole

La Comunità Missionaria di Villaregia offre percorsi formativi di educazione alla cittadinanza globale per aiutare gli alunni delle scuole secondarie a diventare cittadini responsabili e costruttori di pace.

La CMV desidera offrire il suo contributo al mondo scolastico con progetti di Educazione alla Cittadinanza Globale, essa che da sempre coltiva un interesse speciale per la scuola offrendo percorsi di educazione alla mondialità per la formazione di alunni e docenti.  

I missionari della CMV, in sinergia con CO.MI.VI.S, Ong per la cooperazione internazionale, sono impegnati in prima persona ad offrire percorsi di ECG nei quali presentano sia competenze cognitive specifiche sia la loro esperienza. Un’esperienza questa maturata nel vivere in mezzo a popoli di altre culture, di cui si apprende lingua, tradizioni e usi in un processo di accoglienza e integrazione dinamico e continuo. Un’esperienza spesso sofferta, perché a contatto con le vittime delle ingiustizie prodotte da una diseguaglianza crescente, e forse per questo creativa perché impegnata al cambio, alla crescita, alla promozione, alla difesa dei diritti fondamentali di ogni persona umana. 

E.C.G: che cos’è e come si articola

Per le Nazioni Unite l’ECG è l’insieme di quelle azioni finalizzate al pieno sviluppo della personalità e dei legami umani ed al rafforzamento del rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali. Essa promuove la comprensione fra tutti i popoli e le nazioni e la capacità di informarsi e prendere parte nei processi decisionali a livello locale, regionale e planetario. A tal fine, prende in considerazione gli aspetti sociali, culturali, economici, tecnologici, ambientali, politici delle diverse realtà territoriali del pianeta.

Il concetto di ECG si riferisce al senso di appartenenza di ciascuno ad una comunità più ampia, all’intera comunità ed al pianeta terra. La cittadinanza globale si basa inoltre sul concetto di interdipendenza tra locale e l’universale e presuppone un comportamento sostenibile, empatico e solidale. La Carta dell’educazione alla cittadinanza mondiale elaborata dalle ONG italiane nel 2010 recita: Educazione alla cittadinanza mondiale è una educazione capace di futuro, che metta al centro i diritti umani, i beni comuni, la sostenibilità. 

L’ECG si articola in quattro grandi ambiti che abbracciano i 17 obiettivi dello sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030: 

  • Intercultura con i temi dell’identità, diversità culturale, sistemi di conoscenza indigeni e tradizionali, integrazione ed inclusione, pace.
  • Giustizia sociale ed economica al cui interno troviamo i temi della salute e benessere, povertà, diseguaglianze e discriminazioni, migrazioni. 
  • Ambiente con il tema della biodiversità, cambiamenti climatici, modelli di produzione e consumo, sostenibilità.
  • Diritti umani con le tematiche di autodeterminazione dei popoli, diritti di genere, diritti dell’infanzia

Educazione civica e l’ECG 

Anche la scelta dello Stato Italiano, con llegge 92 del 2019, di ripristinare l’insegnamento di Educazione civica nelle scuole di ogni ordine e grado,  rappresenta una risposta concreta per il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo sostenibile sanciti dall’Agenda 2030In particolare l’Obiettivo 4, Target 7 desidera “Garantire entro il 2030 che tutti i discenti acquisiscano la conoscenza e le competenze necessarie a promuovere lo sviluppo sostenibile, anche tramite uneducazione volta ad uno sviluppo e uno stile di vita sostenibile, ai diritti umani, alla parità di genere, alla promozione di una cultura pacifica e non violenta, alla cittadinanza globale e alla valorizzazione delle diversità culturali e del contributo della cultura allo sviluppo sostenibile”.

Ecco perché risulta fondamentale l’impegno nell’Educazione alla Cittadinanza Globale (ECG) come sottolineato dalla stessa UNESCO: la promozione di un’educazione inclusiva e globale è funzionale al raggiungimento di tutti i 17 obiettivi dell’Agenda 2030 e l’ECG è un meta-obiettivo funzionale a preparare e innescare i cambiamenti culturali propedeutici alla creazione di una società più giusta, equa e sostenibile.

Il MIUR già nel 2012 affermava: la nostra scuola, inoltre, deve formare cittadini italiani che siano nello stesso tempo cittadini dell’Europa e del mondo. I problemi più importanti che oggi toccano il nostro continente e l’umanità tutta intera non possono essere affrontati e risolti all’interno dei confini nazionali tradizionali, ma solo attraverso la comprensione di far parte di grandi tradizioni comuni, di un’unica comunità di destino europea così come di un’unica comunità di destino planetaria.

Contattaci

ti forniremo tutte le informazioni di cui hai bisogno.

Chiama

Felicia Romano 388 984 7723
Gonzalo Salcedo  338 6527239

Scrivi a edu.it@villaregia.org

Italiano