L’azione sociale a San Paolo

L’azione sociale a San Paolo

La nostra comunità sin dagli inizi della sua presenza a San Paolo ha dato importanza all’azione nel campo sociale. In un contesto segnato dalle grandi problematiche comuni a tante aree periferiche delle grandi città del sud del mondo, lavoriamo a servizio delle fasce più deboli della popolazione del territorio, con un’attenzione particolare ai bambini e agli adolescenti.

Crediamo nell’importanza della formazione ai valori e della prevenzione dei rischi sociali. Puntiamo a coinvolgere la popolazione per renderla protagonista della crescita delle comunità in cui abitano. I nostri programmi si prefiggono di mettere al centro le persone, valorizzarne i talenti, dare opportunità di sviluppo e un ruolo attivo nella costruzione di una società più giusta e fraterna.

I progetti attivi

Centro Infanto Juvenil “Santa Julia”: per la tutela dei bambini e dei ragazzi 

Il Centro Infanto Juvenil Santa Julia (CIJSJ) è nato in marzo del 2001 nel comune di Itapecerica da Serra con finalità socio-pedagogiche, e i suoi servizi sono rivolti ai bambini e adolescenti dai 6 ai 14 anni in situazione di vulnerabilità e esclusione sociale.

L’attività educativa del Centro, distribuita in due turni, offre ai bambini:

  • – un pasto completo, per un’alimentazione sana ed equilibrata
  • – sostegno pedagogico e scolastico
  • – laboratori di arte, informatica e cucina
  • – attività culturali
  • – attività sportive

 

Le attività si svolgono in collaborazione con altre associazioni locali impegnate nello sviluppo sociale del territorio.

Beneficiari

  • Ogni giorno accogliamo 180 bambini e ragazzi
  • Accompagniamo 180 famiglie attraverso incontri di formazione, ascolto, e offriamo l’ausilio di un’assistente sociale e una psicologa.

 

In 20 anni di attività:

  • – Abbiamo accolto più di 3.000 bambini e ragazzi
  • – Abbiamo accompagnato 2.500 famiglie
  • – Abbiamo dato aiuti puntuali ad altre 2000 famiglie

“Juventude da Hora”: Costruire il futuro degli adolescenti e dei giovani

Il progetto, avviato nel 2014, offre ai giovani dell’area un programma di attività mirate a promuovere l’aggregazione, lo sviluppo relazionale, la conoscenza di sé, l’autostima e l’identità personale, riducendone l’emarginazione sociale.

È una risposta alla mancanza di servizi sociali e culturali per adolescenti e giovani, in una popolazione molto esposta alla marginalità. Il territorio dei due comuni di Embu-Guaçu e Itapecerica da Serra, nei quali operiamo, è distante dai poli amministrativi e culturali, con conseguente esclusione per la popolazione locale da tante opportunità. La realtà giovanile è segnata da disoccupazione, alto indice di violenza e dipendenza dalla droga.

Ai partecipanti vengono offerta la possibilità di frequentare dei laboratori artistici e culturali (laboratori di balé, canto, danza, teatro, tastiera e chitarra), e attività sportive. Il progetto coinvolge bambini, adolescenti e giovani dai 6 ai 20 anni, che partecipano alle attività in orario alternativo a quello della scuola. Inoltre è attivo un supporto alle famiglie, soprattutto per le più bisognose, attraverso le visite domiciliari e le reti socio-assistenziali.

Ogni anno sono circa 250 i ragazzi a rischio sociale che partecipano alle attività. Vi sono anche laboratori aperti ai giovani e agli adulti, che coinvolgono annualmente circa 100 persone.

Accesso alla formazione universitaria ad Itapecerica da Serra

L’accesso all’università è difficile per gli studenti provenienti dai quartieri della periferia di San paolo, a causa della scarsa preparazione scolastica acquisita nelle scuole superiori. Per questo dal 2019 la CMV sostiene un progetto che prevede per gli studenti della zona la partecipazione a lezioni specifiche che permettano di prepararsi adeguatamente all’esame di ammissione all’università. Vengono offerti anche spazi di studio adeguati e la possibilità di accedere a una biblioteca.

Ogni anno sono i partecipanti sono un centinaio, in maggioranza donne.

Ai partecipanti vengono offerta la possibilità di frequentare dei laboratori artistici e culturali (laboratori di balé, canto, danza, teatro, tastiera e chitarra), e attività sportive. Il progetto coinvolge bambini, adolescenti e giovani dai 6 ai 20 anni, che partecipano alle attività in orario alternativo a quello della scuola. Inoltre è attivo un supporto alle famiglie, soprattutto per le più bisognose, attraverso le visite domiciliari e le reti socio-assistenziali.

Ogni anno sono circa 250 i ragazzi a rischio sociale che partecipano alle attività. Vi sono anche laboratori aperti ai giovani e agli adulti, che coinvolgono annualmente circa 100 persone.

Altre attività sociali

CMV sostiene dal 2018 l’azione sociale di “Ninho da Esperança”, un’associazione locale che offre assistenza gratuita per bambini, adolescenti e adulti con varie disabilità a livello fisico, intellettuale ecc. Ad essi vengono offerte attività socio-educative, laboratorio che diventano percorsi di terapia. Un gruppo di collaboratori professionisti e volontari offre agli assistiti uno spazio quotidiano di inclusione sociale e rafforzamento di vincoli familiari e sociali.

Il progetto si propone di offrire assistenza alimentare alle famiglie più carenti della zona tramite una donazione periodica di generi alimentari di base.

I volontari della nostra parrocchia organizzano mensilmente delle raccolte di generi alimentari tramite porta a porta e confezionano, con quanto raccolto, le ceste di alimenti che vengono distribuite alle famiglie in stato di necessità.

Un gruppo di persone legate a questa pastorale, si organizza ogni mese per chiedere delle donazioni porta a porta, montare le ceste basiche e distribuirle alle famiglie piú bisognose.

E’ il programma di supporto realizzato in favore della popolazione colpita dal COVID-19. Oltre 750 famiglie sono state aiutate per far fronte alle conseguenze della grave crisi sociale.

Grazie alla campagna “La nostra solidarietá non é malata”, abbiamo raccolto prodotti di igiene e pulizia, contributi economici, generi alimentari e beni di prima necessità che sono andati a beneficio della popolazione del territorio.

L’iniziativa mira a permettere alle fasce più deboli della popolazione, che non hanno possibilità di acquistare gli abiti e gli accessori d’abbigliamento nei negozi, di procurarsi a prezzi simbolici i vestiti necessari per la famiglia.

Grazie al gruppo Alcolisti Anonimi si offre uno spazio di confronto, ascolto e sostegno alle persone che hanno sviluppato questa dipendenza. Gli incontri hanno cadenza settimanale e mirano ad aiutare le persone a liberarsi da questa problematica che ha gravi conseguenze sulla vita personale e familiare.

Inaugurato nel 2009, funge da sede di coordinamento delle attività della Pastorale Sociale e offre un servizio di consulenza gratuita legale due volte alla settimana.

Italiano