“L’avete fatto a me”

Rosa, volontaria nella Comunità di Vedrana, ci racconta l’esperienza del servizio “unità di strada”, che la Comunità svolge con altre realtà del territorio bolognese

Quel giorno sono passata dalla Comunità dei missio­nari a Vedrana per dare la mia disponibilità di aiuto. Avvertivo il bisogno di offrire amore, quell’amore che sentivo di non avere ancora espresso pienamente nel­la mia vita di dedizione alla famiglia e ai figli.

Ho conosciuto così per la prima volta Annamaria e pa­dre Roberto. Da lì a breve, mi proposero di uscire ogni 15 giorni per le strade di Bologna a incontrare le perso­ne senza fissa dimora, un popolo di persone ai margini delle nostre città, a volte sotto le nostre case, alle quali non sono riconosciuti i diritti più elementari. Sono persone che hanno perso il lavoro, stranieri dell’Euro­pa orientale, dell’Africa e dell’Asia, tossicodipendenti, prostitute, anziani, accomunate non solo dalla man­canza di una dimora stabile ma, soprattutto, dalla solitudine.

Abbiamo imparato a conoscerli attraverso i fratelli e le sorelle di altre realtà che si prendono cura di loro da più tempo: la Comunità di Sant’Egidio, l’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII, l’Associazione Albero di Cirene, le Missionarie della carità, le ASP di Bologna, Fratelli Tutti Gaudium e l’Help Center con i quali ora collaboriamo.

Il sabato pomeriggio, prima di uscire, insieme ad altri volontari prepariamo cibo e qualcosa da bere. Poi tutti insieme ci spostiamo a Bologna, dove incontriamo gli altri componenti del gruppo per un momento di pre­ghiera, confronto e formazione.

Divisi in gruppetti di 3-4 persone ci sparpagliamo nelle diverse zone della città, dove si trovano i nostri amici clochard. L’andare insieme, e possibilmente sempre gli stessi, nella medesima zona, ci consente di conoscere meglio le persone che visitiamo e di stabilire con loro un rapporto sempre più saldo.

Questa esperienza, cominciata ormai da un anno, mi ha sempre più coinvolto tanto che, nonostante gli im­pegni, ho sempre cercato di offrire il mio aiuto sia per la preparazione dei pasti che per la distribuzione serale in strada. La cosa che più mi ha sorpreso di questa nuova avventura è quanto sto ricevendo da queste persone. Noi an­diamo da loro con l’intenzione di offrire del cibo, un sorriso, delle chiacchere, ma riceviamo molto di più dalla loro umanità e dalla relazione che nasce.

Andrea, il chiacchierone, che non ci lascia andar via facilmente, ci fa sempre dono di qualcosa che le perso­ne gli offrono: dei biscotti, un succo di frutta, un pez­zo di pizza. Il poco condiviso da entrambi si carica di un significato profondo che dice gratitudine per l’attenzione, l’ascolto e la stima che va crescendo nella misura in cui ci si conosce.

Ivo, Aldo, Filippo, Liù, Richard, Giorgio, Aliud, Mohammed, Alì sono le persone per cui noi volontari siamo diventati un punto di riferimento, un piccolo anello di una grande catena formata dai fratelli e dalle sorelle delle altre associazioni che si danno da fare per fron­teggiare il disagio, fornire strumenti, rinsaldare lega­mi e aiutare, quando si può, a riprendere il controllo della propria vita.

Ogni volta che li incontro, attraverso l’indigenza, vedo risplendere la loro dignità che si manifesta in pochi gesti e parole semplici. Allora nella loro grandezza riconosco quel Dio che si fa povero per incontrarci, quel Dio che si è fatto come noi… per farci come lui. Riecheggiano in me le parole del Vangelo: “Ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli, l’avete fatto a me” (Mt 25,45).

Rosa Graziano

Vicini a chi è in difficoltà

Nei luoghi in cui siamo presenti promuoviamo e sosteniamo attività di attenzione e aiuto alle po­vertà locali, in collaborazione con associazioni e istituzioni. Insieme a tanti volontari, mettiamo a servizio la sensibilità missionaria per essere co­struttori di comunità e strumento della tenerezza di Dio.

Ecco alcune delle iniziative che ci vedono coinvolti:

  • Accoglienza e orientamento ai migranti 
    Villaregia, Pordenone, Vedrana, Lonato del Garda, Quartu Sant’Elena, Nola 
  • Raccolta e distribuzione di alimenti e generi di prima necessità 
    Villaregia, Vedrana, Lonato del Garda, Quartu Sant’Elena, Nola, Roma 
  • Unità di strada 
    Nola, Roma, Vedrana 
  • Ascolto e supporto a persone e famiglie in difficoltà 
    Villaregia, Vedrana, Lonato del Garda, Quartu Sant’Elena, Roma 
  • Accompagnamento spirituale dei carcerati 
    Pordenone, Nola, Roma 

Vuoi donare alcune ore della tua giornata a soste­gno delle missioni, del servizio ai poveri, dell’acco­glienza ai migranti, mettendo a disposizione i tuoi talenti?
Clicca qui e scopri come fare

Articoli correlati

Una mano tesa verso chi ha bisogno

Da più di un anno Ilse e Stefano si sono uniti al gruppo di missionari e volontari che incontrano le persone senza dimora a Bologna. In questa intervista ci portano in una delle loro uscite di strada

Leggi Tutto »

Contatti

Comunità Missionaria di Villaregia

Via Croce di Vedrana, 7 – 40054 Vedrana (Bo)

Tel: 051 3179716 – e-mail: info.vd@villaregia.org