Una mano tesa verso chi ha bisogno

Ilse e Stefano sono spostati dal 1996 e hanno 3 figli. Da più di un anno si sono uniti al gruppo di missionari e volontari che incontrano le persone senza dimora a Bologna. In questa intervista ci portano in una delle loro uscite di strada 

Come volontari, con altre associazioni del territorio, 2 volte al mese il sabato sera escono per le strade del capoluogo emiliano per distribuire cibo e qualche parola di conforto ai senza fissa dimora della città. “Il pasto caldo è un pretesto per stringere relazioni o semplicemente incrociare gli sguardi di queste persone” ci dice Ilse. 

Perché avete scelto proprio il servizio in strada?  

Da diversi anni svolgiamo volontariato presso i dormitori del bolognese per incontrare le storie di chi la sera trova un po’ di sollievo in queste strutture. Con la pandemia l’aspetto relazionale è venuto meno ed è la cosa che mancava di più, il servizio non era “completo”. Un giorno i missionari ci hanno detto che partecipavano a un progetto di distribuzione di pasti caldi per le vie di Bologna e abbiamo pensato che fosse naturale dare la nostra disponibilità.   

Come si svolge il servizio?  

Ci troviamo con gli altri volontari, dividiamo il cibo e le bevande preparate e iniziamo il nostro giro, sempre lo stesso per poter instaurare, se incontriamo questo desiderio, una relazione. Il panino e il tè alle volte sono davvero mezzi di sostentamento, ma altre solo il pretesto per poter parlare e ascoltare. 

C’è un incontro che è stato significativo per voi?  

Tra le molte persone che incontriamo per strada o nei dormitori, Andrea è la persona che ci ha maggiormente colpito. È una persona riservata – anche adesso, dopo un anno di conoscenza – ma all’inizio non voleva neppure dire il suo nome. Adesso per lui non siamo i volontari che portano il cibo, ma Ilse e Stefano. Sa i nostri nomi e riconosce i nostri volti sotto le mascherine. Scambiamo poche parole, ci congeda educatamente dopo poco ma è sempre un incontro che rinfranca.  

Com’è cambiata la vostra famiglia? 

La nostra famiglia non è cambiata, il servizio dei dormitori e della strada è parte del nostro essere famiglia. I nostri figli hanno altri modi e seguono altre vie per esprimere la loro vicinanza a chi è nel bisogno, ma le sere al dormitorio o l’unità di strada sono per noi una consuetudine, come alzarsi al mattino per andare al lavoro.  

Che augurio fareste a chi legge?  

Di non avere paura a incontrare ciò che non si conosce.  

Guarda il video della testimonianza di Ilse e Stefano

Articoli correlati

“L’avete fatto a me”

Rosa, volontaria nella Comunità di Vedrana, ci racconta l’esperienza del servizio “unità di strada”, che la Comunità svolge con altre realtà del territorio bolognese Quel

Leggi Tutto »

Solidali con il Sudan

“Non possiamo tacere quello che abbiamo visto e ascoltato. Voci dal Sudan” è il titolo dell’incontro promosso dal Centro missionario diocesano di Bologna mercoledì 1

Leggi Tutto »

Contatti

Comunità Missionaria di Villaregia

Via Croce di Vedrana, 7 – 40054 Vedrana (Bo)

Tel: 051 3179716 – e-mail: info.vd@villaregia.org